"Il confronto e il dialogo sono la nostra forza"

In primo piano...

Omissione versamento delle ritenute dei lavoratori: decisione della massima Corte a S.U.

 

L’imprenditore è punibile per il reato di omesso versamento di ritenute previdenziali ed assistenziali se, nell’arco dell’anno (da dicembre a novembre), abbia un debito con l’Inps che supera 10 mila euro. Le sezioni unite della Suprema corte sull’omesso versamento delle ritenute previdenziali operate dal datore di lavoro sulle retribuzioni dei dipendenti. Il debito previdenziale sorge (con il pagamento delle retribuzioni) al termine di ogni mensilità, e, pertanto, la condotta del mancato versamento assume rilievo solo al termine di scadenza indicato dalla legge, per cui occorre riferirsi, riguardo alla soglia di punibilità, alla somma degli importi non versati alle date di scadenza comprese nell’anno e che vanno, quindi, dal 16 gennaio (per le retribuzioni del precedente mese dicembre) al 16 dicembre (per le retribuzioni corrisposte nel mese di novembre). La Corte di cassazione, nella sentenza (a sezioni unite) n. 10424 del 7 marzo 2018, afferma il seguente principio di diritto: “In tema di omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali operate dal datore di lavoro sulle retribuzioni dei dipendenti, l'importo complessivo superiore ad euro 10.000 annui, rilevante ai fini del raggiungimento della soglia di punibilità, deve essere individuato con riferimento alle mensilità di scadenza dei versamenti contributivi (periodo 16 gennaio-16 dicembre, relativo alle retribuzioni corrisposte, rispettivamente, nel dicembre dell'anno precedente e nel novembre dell'anno in corso)”. Per un miglior inquadramento della problematica sottoposta alle Sezioni Unite, viene poi fornita una sintetica ricognizione dell'assetto normativo. L'art. 2, comma 1-bis, del decreto-legge 12 settembre 1983, n. 463, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 1983, n. 638, nella sua attuale formulazione, conseguente alle modifiche apportate dall'art. 3, comma 6, d.lgs. 5 gennaio 2016, n. 8, stabilisce che l'omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali di cui al comma 1, per un importo superiore a euro 10.000 annui, è punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a euro 1.032, mentre, se l'importo è inferiore, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 10.000 a 50.000 euro. Il datore di lavoro non è tuttavia passibile di sanzione penale, né assoggettabile alla sanzione amministrativa, quando provvede al versamento delle ritenute entro tre mesi dalla contestazione o dalla notifica dell'avvenuto accertamento della violazione. L'art. 8 d.lgs. n. 8 del 2016 stabilisce l'applicazione delle disposizioni che sostituiscono sanzioni penali con sanzioni amministrative anche alle violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto (6 febbraio 2016), sempre che il procedimento penale non sia stato definito con sentenza o con decreto divenuti irrevocabili, nel qual caso il giudice dell'esecuzione provvede alla revoca della sentenza o del decreto penale. del 09/3/2018 - a cura di Vincenzo D’Andò Il successivo articolo 9 disciplina le modalità di trasmissione all'autorità amministrativa competente degli atti dei procedimenti penali relativi ai reati trasformati in illeciti amministrativi, salvo che il reato risulti prescritto o estinto per altra causa alla medesima data. Prima dell'intervento modificativo, l'omesso versamento era penalmente sanzionato senza alcuna considerazione degli importi. Non era dunque contemplata la c.d. soglia di punibilità. (Corte di cassazione, sentenza a S.U. n. 10424 del 7 marzo 2018)

 

 

                                                                                               Il  Presidente  

Dott. Mauro Pantano         

Notizie in primo piano | 1 2 ... 67 avanti

Notizie in evidenza...

Giovedì 23 marzo, presso la sede della Confcommercio, la Pro-Li l’associazione delle libere professioni di Napoli ha organizzato una giornata di studi per  analizzare e discutere i c...continua...

USURA E ANATOCISMO BANCARIO: IL PRIVATO E LE AZIENDE INTRAPRENDONO LA CROCIATA DEL RISARCIMENTO

La banca come comune denominatore di due fenomeni distinti con destinatari diversi: le aziende da un parte ed il privato dall’altra.

IL FENOMENO DELL’USURA BANCARIA
L’usura, come noto, è...continua...

Split payment”: non riguarderà i professionisti ?

Split payment”: non riguarderà i professionisti ?

Il meccanismo Iva dello “split payment” per le forniture alla pubblica amministrazione non si applicherà ai compensi delle prestazioni ...continua...

Tanto per rinfrescare le idee

Contributo  Aspi sui licenziamenti, l’Inps chiarisce con circolare 44 del 23 marzo 2013  e messaggio 27 giugno 2013 
Dall’aspettativa non retribuita, al congedo straordinario, dal periodo di pr...continua...

Nessuna presunzione di maggior reddito per i prelievi dei professionisti

 

Con un’importantissima sentenza, n. 228 depositata il 06/10/2014, la Corte Costituzionale ha finalmente dichiarato incostituzionale l’applicazione dell’art. 32, c. 1, n. 2, per. 2, del D.P.R. ...continua...

Decadenza per gli Intermediari

L’Agenzia delle entrate, con un avviso pubblicato sul proprio sito internet il 23 settembre 2014, precisa che il prossimo 31 ottobre scadrà il termine per gli intermediari - utenti del servizio telematico “En...continua...

TAVOLO TECNICO SUL PORTO DI NAPOLI

Si è tenuta oggi una riunione del tavolo tecnico sul rilancio del Porto di Napoli organizzato dall'Unione Industriali e da Confcommercio Prov. Napoli, al quale partecipano le Associazioni aderenti alla Confcommercio ...continua...

Categoria: Ingengnere

Aggiornamenti

  • intervento del Presidente Pantano Canale 9

    Leggi

  • http://www.julienews.it/notizia/economia-e-finanza

    gnp 2016 e libere professioni confcommercio

  • Nuove modalità di acquisto dei vaucher 02 05 2016

    Lo precisa l’Inps con la circolare n. 68 del 28 aprile 2016

  • LIBERE PROFESSIONI E MINISTERO DELLO SVILUPPO ECON

    Confcommercio è stata ammessa ufficialmente a partecipare al Tavolo sulla competitività delle libere professioni

  • Pantano (Confcommercio Professioni): Flat Tax rivo

    Leggi

  • visita la Gallery della GNP 2015

  • Selezione di 2.005 giovani volontari da impiegare

    Selezione di 2.005 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale nella Regione Campania Leggi

  • Novità Contenzioso tributario

    Vai ai Quaderni.

  • Stanziati dal MiSe 5.000.000,00 di euro

    vai in notizie in PRIMO PIANO

  • NOTIZIE SUL TFR

    VISIONA IL LINK Leggi

  • Nessuna presunzione di maggior reddito per i preli

    Visita la Home Page Notizie IN EVIDENZA

  • Rubrica a cura di Andrea Dente

    lettera aperta a Matteo vai in servizi e poi Quaderni

  • SEGUI LA RUBRICA DI ANDREA DENTE

    VAI AI QUADERNI OGGI C'E' O'SCARTILOFFIO BUONA LETTURA

  • VAI AI QUADERNI

    RUBRICA A CURA DI ANDREA DENTE

  • Cassetto fiscale: scadenza intermediari

    L’Agenzia delle entrate, con un avviso pubblicato sul proprio sito internet leggi notizie in evidenza

  • La FILT CGIL Campania ha un nuovo Segretario

    Leggi

  • TAVOLO TECNICO SUL PORTO DI NAPOLI

    VAI ALLE NEWS Leggi

  • ESTESO L’UTILIZZO DEL MOD. F24

    IMPORTANTI NOVITA' ANCHE PER I PRIVATI Leggi

  • LETTERA APERTA AL COLLEGA RENATO RICCI

    VAI IN NOTIZIE IN EVIDENZA Leggi

  • Bando Fipit per la sicurezza sul lavoro

    Bando Fipit per la sicurezza sul lavoro FINANZIAMENTI per microimprese Leggi

  • vai in Notizie in Evidenza

    Il Consiglio dei Ministri ha recentemente approvato, in via preliminare, lo schema del Decreto Legislativo

  • Accertamento fiscale

    Niente percentuale di ricarico generica Leggi

   

Archivio news

Articoli per categoria...

Registrati

Convenzioni

Diventa
nostro sponsor...

Per continuare devi essere Registrato.